Rafael è da Napoli: non bisogna perdere tempo…

Pubblicato il 11 gennaio 2017 alle 11:22 da Liberato Ferrara
rafael-reina-portieri-napoli miliki
Rafael è da Napoli: non bisogna perdere tempo… pubblicato il: 2017-01-11 da Liberato Ferrara

Reina, Rafael, Sepe, Contini: il Napoli ha una questione portiere di cui occuparsi immediatamente. C’è Reina che non è in discussione per adesso, ma che pur bravissimo coi piedi, tra i pali inizia ad accusare qualche passaggio a vuoto. Qualcuno aveva pensato a Perin, ma il giocatore del Genoa si è rotto, ed è fuori discussione, anche per la prossima stagione: nessuno prende un giocatore che si è rotto in un anno il crociato in entrambi i ginocchi se prima non ha la certezza che possa tornare ai suoi livelli.

Ieri ha giocato Rafael. Rafael è un buon portiere. Quando arrivò a Napoli si parlava di lui come probabile titolare del Brasile al mondiale di casa. E’ un patrimonio della società, va tutelato. C’è un problema: il prossimo anno va in scadenza di contratto. Con lui, se la società ci crede, c’è da fare un’operazione particolare. Bisogna rinnovargli il contratto e darlo in prestito. Un azzardo che forse vale la pena di correre. Lui ha bisogno di giocare, almeno una cinquantina di partite prima, semmai di essere riproposto col Napoli. Ma il gioco vale la candela. Tutto sta a vedere quanto la società ci crede, e quanto il ragazzo, ed il suo procuratore, sono disposti ad accettare la sfida. Perché è chiaro che il rinnovo va fatto a condizioni diverse. L’ideale sarebbe darlo in prestito per due anni, in Italia, e vedere cosa succede. Stiamo parlando di un ragazzo del 90, un portiere già esperto, che ha dinanzi a se almeno 10/12 di carriera. Da valutare con grande attenzione.

Sepe se resta a Napoli già solo in questa sessione di mercato rischia di bruciarsi del tutto. Ha un anno in meno di Rafael, e fino all’estate del 2015 era in chiarissima fase di ascesa. Si pensava che la porta del Napoli potesse essere la sua in futuro, reduce com’era da una serie di campionati di primo livello, anche in A. Non ha avuto la pazienza di aspettare. Non voleva fare il dodicesimo a Napoli, l’ha fatto a Firenze, senza mai giocare. Ora si ritrova terzo portiere del Napoli. Situazione oggettivamente insostenibile. Deve assolutamente andare via, subito. A o B cambia poco: deve giocare. E poi valutare la sua posizione. Se fa un altro anno senza giocare rischia di perdersi del tutto.

Poi c’è Contini. Che lo scorso anno ha fatto benissimo a Ferrara con la Spal, ma quest’anno a Carrara non ha mai giocato. E’ tornato alla casa madre, e si candida a fare il terzo portiere: se sepe va via deve restare per forza, per coprire la casella di prodotto del vivaio.

L’ideale sarebbe dare via sia Sepe che Rafael adesso. Ma poi si dovrebbe trovare un dodicesimo affidabile. Complicato. Sepe può aspettare (non troppo, a dire il vero) il suo contratto è lontano dalla scadenza. Ma con Rafael la decisione va presa subito. Credere in lui, rinnovargli il contratto, e mandarlo a giocare da qualche parte. O arrivare in un modo o nell’altro a scadenza di contratto, cercando semmai di incassare qualcosa cedendolo in Brasile. Ma sarebbe un peccato. Questo ragazzo è stato bruciato per colpa di chi lo ha mandato in campo quando non era pronto, merita una altra opportunità. Non solo nel suo interesse, ma soprattutto di quello del Napoli.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento