Sarri, messaggi “inquietanti” in direzione De Laurentiis

Pubblicato il 14 maggio 2017 alle 9:02 da Liberato Ferrara
sarri
Sarri, messaggi “inquietanti” in direzione De Laurentiis pubblicato il: 2017-05-14 da Liberato Ferrara

Sarri è uno genuino. A volte viene da credere che sia ingenuo. Di base nonostante la sua età non è ancora così scafato da reggere le pressioni di una conferenza stampa. Per sono meno di due anni, da quando è a Napoli, che è sottoposto a certe tensioni. Non lo era da calciatore, non lo era da allenatore. Almeno fino a quando non è arrivato a Napoli. Ancora non ha imparato a dire bugie.

Ieri l’ennesima riprova. E dire che la domanda era anche abbastanza scontata: gli hanno chiesto cosa pensasse dell’affermazione di De Laurentiis che aveva detto che voleva fare di lui il Ferguson del Napoli. Sarri ha ammiccato ed ha subito detto: “In che senso? Mi fa fare il mercato”? Poi non si è trattenuto: “Col prossimo contratto voglio arricchirmi”.

Premesso che quasi tutti noi siamo malpensanti (ma a pensar male di fa peccato ma quasi sempre si indovina) la prima cosa che è venuta in mente è che Sarri non è per nulla contento del modo di De Laurentiis di fare mercato. Del resto, anche in modo decisamente più esplicito, non l’ha mai nascosto. A gennaio dello scorso anno disse che “La società non ha voluto cambiare gli obiettivi di inizio stagione” a sottolineare come nonostante il primato alla fine del girone di andata non si puntasse allo scudetto. A settembre dello scorso anno disse che il Napoli aveva preso buoni giovani “Ma che per farli maturare si sarebbero persi punti per strada”. Quando a Sarri è stato detto che avrebbe fatto il Furguson del Napoli ha immediatamente pensato al mercato…

Ma poi c’è stato anche il passaggio sulla durata della sua permanenza sulla panchina azzurra. “Col prossimo contratto voglio arricchirmi” ha detto. Sarri non guadagna poco col Napoli, sia ben chiaro. Ma guadagna molto meno della metà di quanto non prenderebbe in altre squadre, Inter e Roma, giusto per fare i primi due nomi che vengono in mente. Molto meno di quanto in questi giorni Inter e Roma non gli hanno offerto. Sarri ha un contratto in essere col Napoli ancora lungo, che lo lega alla società azzurra per alte tre stagioni. Un contratto con clausola risolutiva. In astratto non si vede perché dovrebbe parlare di contratto. E difatti a stretto giro De Laurentiis gli ha risposto: Vediamo quanti titoli avrà vinto per allora”. Ma c’è la clausola risolutiva anche per il tecnico. Una furbata di De Laurentiis. Otto milioni di euro, si dice. Tantissimi in astratto. In fin dei conti non c’è l’abitudine di pagare “l’acquisto” di un allenatore. Ma potrebbero essere pochissimi soldi. Si dice che un allenatore incide sul rendimento di una squadra per il 20%. Nessuna squadra vale “solo” 40 milioni: un buon giocatore vale 40 milioni, un solo giocatore forte, neanche un fuoriclasse. In questa ottica gli 8 milioni per Sarri sono una bazzecola.

Che Sarri resti in azzurro per i prossimi 12 mesi non è in discussione. Ma per convincerlo a restare De Laurentiis dovrà fargli un nuovo contratto. Dovrà arricchirlo, e prendere anche i giocatori che Sarri vuole. Altrimenti…

Altrimenti prepariamoci ad un altro tradimento. Il destino sembra già scritto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento