Napoli, due grandi differenze rispetto allo scorso campionato

Pubblicato il 11 settembre 2017 alle 9:36 da Liberato Ferrara
napoli
Napoli, due grandi differenze rispetto allo scorso campionato pubblicato il: 2017-09-11 da Liberato Ferrara

C’è qualcosa di diverso nell’aria. Il tempo ci dirà se si tratta di una bella cosa, o di un passo indietro. Il Napoli rispetto allo scorso anno, quanto meno rispetto a quando fatto vedere dal secondo tempo di Lisbona, quando Sarri si inventò Mertens centravanti, ha due grosse novità. C’è una diversa distribuzione dei gol, prima segnava soprattutto Mertens (Higuain l’anno precedente) adesso segnano molti più giocatori.

La seconda: lo scorso anno, da dicembre in avanti, partiva sparato, chiudeva subito le partite, ma se non lo faceva soffriva molto. Adesso viene fuori alla distanza. Nelle ultime tre gare ha sempre segnato solo nel secondo tempo. E’ capitato a Nizza. Con l’Atalanta ed ieri a Bologna. Sin qui in campionato ha segnato 9 gol, solo due nei primi tempi, entrambi a Verona. Ed anche contro il Nizza dei 4 gol messi a segno solo uno nel primo tempo, gli altri nella ripresa.

E’ una cosa buona o no? In linea di principio sbloccando subito, e chiudendo il conto immediatamente, come spesso succedeva lo scorso anno (a febbraio nel 7-1 col Bologna dopo 6 minuti si era sul 2-0…) si fatica di meno. Ma poiché il Napoli non sa notoriamente amministrare il gioco, la cosa è relativa. Adesso si ha la sensazione di una squadra che ha maggiore autostima, sa di poter trovare il gol in qualsiasi momento della partita, e di conseguenza è meno frenetica. La qual cosa porta ad un notevole risparmio di energie nervose.

Molto positivo il discorso sui gol molto più distribuiti. In 5 partite ufficiali il Napoli ha messo a segno 13 gol. Mertens con tre marcature è il bomber riconosciuto. Poi ci sono Zielinski e Callejon con 2, poi tanti marcatori diversi. Con Hamsik, uno che ad inizio stagione ha sempre segnato tantissimo, che è ancora a secco. Hamsik è la nota stonata di questo momento: lontanissimo dal rendimento degli anni scorsi. Ma forse è questa la notizia più bella. Il suo rendimento non potrà che crescere. Il Napoli, quando sarà un po’ più brillante, non potrà che fare meglio, anche se ad essere sinceri una squadra che ha vinto 5 partite su 5 ci va benissimo già adesso…

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento