Napoli per crescere bisogna cambiare strategia di mercato

Mercato bloccato dalle X sulle panchine di Chelsea a Real

Il mercato ha i suoi tempi, i suoi riti: lo sanno tutti, ma la tentazione di commentare ogni giorno è irresistibile. Irresistibile per tutti, tifosi e giornalisti, che pure dovrebbero essere un po’ più cauti. Valer per il Napoli, ma vale per tutte le squadre.  Il mercato, se qualcuno lo avesse dimenticato, inizia il primo luglio, oggi sono chiacchiere o poco più. Per altro il mercato non può iniziare fino a quando non si completa l’incastro delle panchine. Ad oggi mancano ancora gli allenatori di Real Madrid e Chelsea, due società che ad ogni sessione muovono tanti soldi. E poi ci sono i mondiali, altro ostacolo non di poco conto alle trattative. Sparare sentenze in questi casi è inutile, oltre che profondamente sbagliato.

Il problema è che se non ti muovi sbagli, ma il rischio è di sbagliare ancora più più a muoverti prima. De Laurentiis è stato costretto a ufficializzare l’arrivo di Ancelotti. In questo modo è facile preda del Chelsea, che vuole Sarri, e che, giustamente, prova a non pagare la clausola. Ed alla fine ci riuscirà, magari rifilando al Napoli qualche giocatore che non serve loro.

Per il Napoli un’occasione di crescita,ma bisogna cambiare registro

Il Chelsea vorrà chiudere col Napoli un solo pacchetto, in cui oltre al tecnico ci sono anche un paio di giocatori azzurri, Hysaj e Albiol. Al tempo stesso proverà a rifilare agli azzurri giocatori in esubero, che semmai a Ancelotti piacciono molto. I nomi li conoscete: sin qui De Laurentiis non ha mai trattato la cessione di giocatori importanti. Se ne sono sempre andati utilizzando la clausola risolutiva, ma francamente si può anche cambiare. Non svendendo i propri giocatori, ma trattando allo stesso tempo l’arrivo di qualcun altro. Se incassi una barca di soldi poi quando ti presenti sul mercato i prezzi si alzano a dismisura. Forse conviene fare una trattativa unica, con uno scambio di giocatori.

Prendete il caso Jorginho: giustamente De Laurentiis lo valuta moltissimo. Anche perché il City non ha mai lesinato sul mercato. Ma una grande squadra non pensa solo ai soldi, pensa anche agli acquisti, e il City ha fior di giocatori che possono essere utilissimi al Napoli. Inserendoli nella trattativa per Jorginho si possono prendere a condizioni più favorevoli. Vendendo il regista italo-brasiliano solo per soldi, poi tutti alzano i prezzi. Discorso che vale anche col Chelsea, magari col Barcellona, se davvero sono interessati a Koulibaly. Il Napoli deve cambiare strategia di mercato: le grandi squadre fanno in questo modo.

guarda la puntata di Casa Menzione dell’11 giugno
Guida alla politica finanziaria di De Laurentiis

Potrebbe piacerti anche