Napoli-Juve, sarà una sfida sul filo dei nervi. Ma il Napoli…

Pubblicato il 29 novembre 2017 alle 12:27 da Liberato Ferrara
napoli
Napoli-Juve, sarà una sfida sul filo dei nervi. Ma il Napoli… pubblicato il: 2017-11-29 da Liberato Ferrara

Alla Juve sanno bene una cosa: per loro sarebbe drammatico perdere a Napoli. Vero che due anni fa furono capaci di fare un recupero impressionante. Ma se dopo 15 giornate finissero a 7 punti dalla capolista, con la prospettiva di peggiorare le cose prima della sosta, avendo un calendario più impegnativo, per loro sarebbe durissima recuperare. Anche perché nel frattempo il Napoli, e non solo, anche Inter e Roma, hanno imparato a tenere un ritmo costante, a non perdere punti con le piccole. Diciamo anche un’altra cosa: due anni fa il recupero fu possibile anche perché uscirono agli ottavi, contro il Bayern, in Champions. Oggi vorrebbero andare avanti fino in fondo, e la Champions è il vero obiettivo. Se vogliono vincere il settimo scudetto non possono perdere troppo terreno.
Una grande squadra viene a Napoli, fa la partita e la vince. Come ha fatto il City, sia pure soffrendo per lunghi tratti. Ma la Juve non solo non sembra essere all’altezza del City, ma non è neanche nel suo momento migliore. Giustamente una squadra che punta a vincere la Champions deve dare il meglio da metà febbraio in avanti. E fa una preparazione di conseguenza. La Juve verrà a Napoli col principale scopo di non prendere gol, poi eventualmente penserà anche a colpire in contropiede. Allegri è uno estremamente pragmatico, sa bene che se accetta la battaglia a viso aperto rischia tantissimo. 4 punti si possono recuperare, 7 diventa difficile.
Il Napoli dello scorso anno il problema non se lo sarebbe neanche posto. Avrebbe giocato a mille, come sempre. Adesso sembra aver imparato ad essere un po’ più calcolatore. Il rischio di andare a sbattere contro un muro con la Juve c’è, e se si è scriteriati contro certe squadre, basti vedere il terzo gol del City, si rischia troppo. Sarri sa bene che vincere sarebbe straordinario, ma se anche che perdere, per quanto poi il Napoli resterebbe avanti in classifica, sarebbe un colpo durissimo all’autostima. Due anni fa il Napoli non perse lo scudetto nello scontro diretto di Torino, ma successivamente, quando non seppe riprendersi da quella botta. Non perdere questa partita sarebbe già positivo. La Juve per altro ha un calendario complicato di qui alla sosta, qualche altro punto potrebbe lasciarlo per strada.
In partite del genere alla fine quando c’è grande attesa e grande stima tra le due contendenti alla fine non succede nulla. Un po’ come con l’Inter. Tutto sta adesso a vedere se la Juve è in difficoltà come sembra. E’ una gara di nervi. Paradossalmente sin qui il Napoli ha avuto nervi più saldi dei bianconeri. Che non sono quasi mai stati in grado di tenere per 90 minuti. La Juve sin qui ha spesso avuto passaggi a vuoto di pochi minuti che però sono costati tantissimo. A Bergamo vincevano 2-0, e si sono fatti raggiungere in pochi minuti; in pochissimi minuti con la Lazio sono passati dall’1-0 all’1-2; e con la Sampdoria in pochi minuti di sbandamento ne hanno presi 3. Il Napoli deve essere accorto e sveglio. Accorto a non concedere nulla, sveglio a capire se e quando ci sarà il passaggio a vuoto.

– E’ la difesa la forza del Napoli</strong>

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento