Napoli, adesso mollare anche Coppa Italia e Europa League

Pubblicato il 6 dicembre 2017 alle 22:51 da Liberato Ferrara
napoli
Napoli, adesso mollare anche Coppa Italia e Europa League pubblicato il: 2017-12-06 da Liberato Ferrara

Il Napoli è stato eliminato dalla Champions certamente non stasera, ma prima ancora che il torneo iniziasse, o quanto meno prima ancora che iniziasse la fase ai gironi. Accadde un pomeriggio in Lega Calcio quando la società azzurra accettò, magari chiese anche chissà, di giocare a Bologna la domenica sera. Quella sera il Napoli vinse 3-0, era la terza di campionato, ma tra una cosa ed un’altra i giocatori andarono a dormire nelle rispettive case all’alba. Avesse il Napoli giocato alle 3 di pomeriggio i giocatori sarebbero stati a casa verso le undici. Invece a meno di 72 ore dalla gara in Ucraina gli azzurri in pratica non dormirono.
Non persero per questo, sia ben chiaro. Ma il segnale fu chiarissimo. Colto anche da Sarri, che pensò bene di mandare in campo non la squadra titolare, quella che aveva vinto le due partite col Nizza, ma gli altri.
Il Napoli esce di scena dopo la peggiore Champions della sua storia recente. Lo sarebbe stata anche vincendo in Olanda.
Detto questo, sperando che non ci siano troppe polemiche, alla fine potrà essere anche un bene. Ma bisognerà prendere decisioni drastiche. Mollare subito la Coppa Italia, semmai non in casa con l’Udinese, ma ai quarti di finale. Non si può correre il rischio di giocare una semifinale con la Juve o con la Roma: il Napoli non ha una squadra per reggere il doppio impegno settimanale. E poi soprattutto uscire subito anche in Europa League, senza pensarci assolutamente neanche un minuto.
Questo Napoli, se gioca solo il campionato, può arrivare fino in fondo. Ma deve entrare nell’ordine di idee che il doppio impegno non lo regge. Ha fatto, giustamente, una scelta ad inizio stagione, privilegiando il campionato. Si è visto per altro che le seconde linee non sono all’altezza. Ora bisogna solo fare in modo da arrivare alla sosta facendo il pieno in campionato, e recuperare brillantezza. Se Insigne ha la pubalgia, e Mertens e Callejon in campo camminano, significa pur qualcosa. Purtroppo non hanno alternative, devono giocare. Ma che giochino una volta a settimana, le partite che contano davvero.
La partita in Olanda non ha senso. Il Napoli ha mollato quando ha capito che in Ucraina i giochi erano fatti. Il City, come facilmente prevedibile, non ha giocato. Nessuno può criticare la squadra di Guardiola, almeno in Italia, perché tutti avrebbero fatto la stessa cosa. Un po’ come la storia delle dimissioni di Ventura, richieste a gran voce da gente che non le avrebbe date neanche sotto tortura.
Adesso avanti. Alla fine la Champions in ogni caso il Napoli non l’avrebbe vinta. Magari stasera è nato qualcosa di importante. Lo scopriremo solo vivendo.
– Hamsik, testa al campionato

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento