Mercato di gennaio, ancora una volta Adl ha fatto fessi tutti…anche Sarri

Pubblicato il 1 febbraio 2017 alle 13:15 da Antonio Mangione
de laurentiis sarri
Mercato di gennaio, ancora una volta Adl ha fatto fessi tutti…anche Sarri pubblicato il: 2017-02-01 da Antonio Mangione

I tifosi del Napoli non si aspettavano di certo un mercato di riparazione spumeggiante. Del resto quando negli anni scorsi il Napoli era in piena corsa per lo scudetto, la società non è mai intervenuta in maniera massiccia per dare una segnale alla squadra ed alle avversarie. A maggior ragione quest’anno, anche alla luce del buon mercato estivo, era difficile aspettarsi grandi colpo. C’era da coprire i buchi in organico creato dall’infortunio di Milik ed il Napoli si è mosso tempestivamente sul mercato acquistando Pavoletti. E qui casca l’asino. Perchè l’arrivo dell’ex attaccante del Genoa è conciso con l’addio di Manolo Gabbiadini. L’attaccante di origine bergamasca non si è mai ‘preso’ con Sarri e a dimostrarlo è il messaggio di addio ai tifosi nel quale praticamente ringrazia tutti, tranne l’attuale allenatore del Napoli.

Cedere Gabbiadini è stato una sconfitta per tutti. Per il giocatore, per la società e per l’allenatore, il quale non è stato capace di far integrare l’attaccante negli schemi. Certamente anche Manolo ha le sue colpe, ma per lui parlano i numeri (un gol ogni 124 minuti nella sua esperienza napoletana) ed un talento cristallino. Venderlo per quelle cifre, 17 mln di euro più 4 di bonus, è stato però un affare. Praticamente con i soldi di Gabbiadini, Adl è riuscito a prendere Pavoletti ed anche a guadagnarci sopra visto che l’attaccante del Genona è costato circa 15 mln di euro. Ma il punto non è questo. Il problema è che forse Pavoloso non era l’attaccante richiesto da Sarri, il quale cercava una punta con le caratteristiche di Milik. Uno che sapesse difendere il pallone , far salire la squadra e giocare palla a terra. Caratteristiche che non ha Pavoletti che invece è bravissimo in area di rigore. Ma il Napoli oramai sono due anni che è abituato a giocare in un certo modo, lo ha ammesso lo stesso Sarri nel post partita contro il Palermo. Ed allora perchè avallare la scelta di Pavoletti. Non era meglio scegliere un altro tipo di giocatore? O forse Sarri non è stato interpellato? Il Napoli non solo non è riuscito a colmare numericamente il vuoto in organico, ma non ha sfruttatonemmeno  la finestra invernale per piazzare qualche colpo in prospettiva come invece ha fatto la Juventus portandosi a casa Orsolini. L’acquisto del brasiliano Leandrinho non può essere di certo definito un colpo ad effetto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento