Formula matematica: Napoli:Juve = Ounas:Douglas Costa

Pubblicato il 16 aprile 2018 alle 10:26 da Liberato Ferrara
napoli juve ounas
Formula matematica: Napoli:Juve = Ounas:Douglas Costa pubblicato il: 2018-04-16 da Liberato Ferrara

Juve, con tutti i soldi spesi facile fare i fenomeni

Ieri la Juve stava sbattendo contro il muro della Sampdoria. Non riusciva a cavare un ragno dal buco, non si capiva come potesse sbloccare la partita. Poi si è fatto male Pjanic, ed Allegri si è guardato intorno. Chi faccio entrare, Higuain, Douglas Costa, Marchisio, Alex Sandro, Bentancur? Al di là della qualità dei giocatori erano alternative anche tattiche in grado di cambiare il quadro della situazione. Alla fine ha scelto Douglas Costa, che ha spaccato la partita sin dal primo minuto.

Douglas Costa non è un ragazzino prodotto del vivaio, o pagato pochi spiccioli da valorizzare e vedere quello che può darti. E’ un nazionale brasiliano, ed in estate è stato pagato 40 milioni. In avanti la Juve oltre ad avere Higuain, che da solo è stato pagato più di tutta la squadra titolare del Napoli, ha Dybala, Mandzukic, Cuadrado, Douglas Costa e Bernardeschi. In estate quando si pensava che ci fosse un problema sugli esterni ne ha presi due, Douglas Costa e Bernardeschi, pagandoli 40 milioni ciascuno.

Ounas scelta perdente in partenza

In estate il Napoli sapeva benissimo di avere una carenza enorme in avanti. C’erano i tre titolari, Mertens, Callejon e Insigne, più Milik. In più c’erano Giaccherini che si sapeva benissimo il tecnico, a torto o a ragione, non vedeva. Per completare l’organico è stato preso un ragazzino sconosciuto Ounas. Il Napoli ha speso 7 milioni, la Juve 80: ovviamente in caso di bisogno Sarri ha dovuto cambiare ruolo a Zielinski…

Se poi pensiamo agli esterni difensivi viene da piangere. Il Napoli ne aveva quattro: Hysaj, Ghoulam, Mario Rui (reduce da un anno di stop) e Maggio, 35 anni e mezzo ad inizio stagione. La Juve De Sciglio, Howedes, Lichtsteiner, Alex Sandro, Asamoah, in caso di bisogno anche Barzagli. A gennaio, dopo l’infortunio di Ghoulam non è arrivato nessuno, salvo poi prendere Milic per gli allenamenti.

E’ chiaro che viste le premesse possiamo solo dire grazie a questi ragazzi, che andando al di là dei propri limiti. La verità è che la Juve ha fallito la sua stagione, perché l’obiettivo era la Champions. Il Napoli anche, perché era partito per vincere lo scudetto, su questo non ci sono dubbi. Ma visti i mezzi profusi il fallimento della Juve è superiore a quello azzurro, inferiore solo a quelli di Paris Saint Germain e Manchester City.

leggi il blog di Umberto Chiariello
Sarri ha mancato solo di un po’ di coraggio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento