L’ultima di De Laurentiis: contratto anche alla moglie di Mertens

Pubblicato il 18 aprile 2017 alle 14:35 da Liberato Ferrara
L’ultima di De Laurentiis: contratto anche alla moglie di Mertens pubblicato il: 2017-04-18 da Liberato Ferrara

De Laurentiis una ne fa, cento ne pensa, su questo non c’è dubbio. Quasi sempre quello che fa si rivela un mezzo disastro, perché lui si muove da perfetto “ignorante” del mondo del calcio. Sta di fatto che se uno non si facesse, da tifoso del Napoli, il fegato grosso per le due dichiarazioni, ci sarebbe anche da divertirsi. Diciamo che con lui non ti annoi mai.

le ultime sul contratto di Mertens

L’ultima: contratto da 250mila euro per la signora Mertens per utilizzarla in alcune sue produzioni. Non è la prima volta che ci prova. La scorsa estate, si dice, offrì un contratto alla signora Icardi, al secolo Wanda Nara, per una parte in un suo film. Non state a spaccare il capello: i film che produce il patron del Napoli e della FilmAuro non sono da Oscar, quindi la signora Mertens e la signora Icardi avrebbero benissimo potuto fare la loro sporca figura…
Sarebbe interessante però leggere il contratto offerto alla signora Mertens. Ci saranno di certo un numero impressionante di clausole. In linea teorica la signora Mertens potrebbe accettare di lavorare con De Laurentiis e scegliere di non vivere a Napoli. O anche di vivere a Napoli, ma non a casa del legittimo consorte. E se poi il marito viene ceduto che succede, la moglie resta a Napoli e lui parte?
Nel contratto deve essere ben chiaro che la signora deve poi adempiere i suoi doveri coniugali, semmai seguendo la tabella che darà il dottor De Nicola: mai prima della partita, mai anche la sera dopo la partita. Pare che faccia ancora più male ad un atleta. Per altro dopo aver giocato il livello di testosterone è ai minimi termini. Si rischiano figuracce, e neanche la pillolina blu può venire in aiuto…
Vediamo come andrà a finire. Certo potrebbe nascere un caos non da poco. Perché la moglie di Mertens sì, e la signora Jorginho (il primo nome che viene in mente) no? Si sa come sono le donne, ipercompetitive. Dopo i diritti di immagine anche i diritti sulle mogli sarebbe davvero troppo…

Antonio Landolfi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento