Herculaneum, chiude la sua avventura in casa con il pareggio (1-1) con il Nardò

Pubblicato il 1 maggio 2017 alle 8:09 da Redazione
Herculaneum, chiude la sua avventura in casa con il pareggio (1-1) con il Nardò pubblicato il: 2017-05-01 da Redazione

HERCULANEUM   –  N A R D O’          1  –  1

 

HERCULANEUM:  Mennella, Rossi, Solitro, Ciano, Russo, Poziello, Lopetrone, Adamo (30’st Marfella), El Ouazni, Sorrentino (37’st Yeboah), Gargiulo Alfonso (24’st Conte). A disposizione: Mascolo, Gargiulo Antonio, Esposito, Baratto, Rizzo, Milone. Allenatore: Rosario Campana, in panchina Luigi Fumo.

 

N  A  R  D O’: Mirarco, Carrozzo (37’st Pado), Morello, Prinnari, Caporale, Camisa, Palmisano, Corvino (7’st Piroetti), Meleleo (18’st Cicerello),  Kyeremateng, Tarallo. A disposizione: Petrachi, Bancarella, Gigante, Versienti, Ancora, Paterno. Allenatore: Antonio Foglia Manzillo 6.

 

ARBITRO: Carina Susana Vitulano di Livorno.

Collaboratori di linea: Francesco Valente di Roma 2;

Gianluca Perna di Roma 1.

 

RETI: 42’pt Meleleo, 7’st El Ouazni.

 

NOTE: Giornata di sole ventilate. Spettatori 350 circa con rappresentanza ospite. Angoli 6 a 1 per l’Herculaneum. Recuperi primo tempo: 1; secondo tempo: 0’.

 

 

ERCOLANO – L’Herculaneum edizione serie D, girone H, 2016-2017, si congeda dal Solaro in una giornata di sole, calda e soffocante. Quello appena conseguito resta un pareggio importante per la classifica e per il morale quello realizzato dall’undici di Rosario Campana nel giorno del ‘Signore si chiude’, ad opera di un Nardò che era venuto ad Ercolano per fare risultato. Ad un primo tempo bene amministrato con ben quattro calci d’angolo eseguiti e tante occasioni mancate dalla squadra degli Scavi e del Vesuvio, agli ospiti è bastata una sola azione, quella impostata al 42’ della prima frazione di gioco che ha dato a Meleleo la possibilità di incunearsi tra due avversari e poi toccare la palla forte per farla adagiare nel sacco, alle spalle dell’attento Mennella. Il pareggio porta la firma di El Ouazni, al 7’ della seconda frazione di gioco, un giocatore, El Ouazni, il migliore in campo in senso assoluto, ritornato a ruggire nei frangenti finali del campionato dopo una larga parentesi di infermeria.  Yeboah, subentrato al posto di Sorrentino al 37’ della ripresa, s’è dato un gran da fare ed ha sfiorato di poco il gol-partita. Nel primo tempo i ragazzi del presidente onorario Alfonso Mazzamauto, hanno messo in campo le migliori azioni di gioco. Al 3’ Gargiulo Alfonso, spintosi di forza in area ospite, con un fendente pungente, ha messo a dura prova l’estremo difensore ospite Carrozzo. Al 4’, un minuto dopo, è stata la volta di El Ouazni, ma la palla s’è spenta sulle spalle di un difensore della squadra pugliese. Al 10’, e al 20’ El Ouazni ha disegnato due palle gol ben lavorate: è mancato solo il gol. Al 38’ arriva la prima azione ospite con una punizione battuta sulla tre quarti di campo da Camisa: la palla è finita alta sulla traversa. Al gol mancato da El Ouazni al 40’ della prima frazione di gioco, al 42’ è giunta la rete del vantaggio iniziale degli ospiti, autore Meleleo. Nella ripresa i granata vesuviani sono entrati subito in gioco. Al 5’ e al 6’ Adamo, ha mancato di poco il bersaglio. Al 7’ il pareggio firmato da El Oazni. Dopo? Più nulla, solo tanto caldo.

GIUSEPPE IMPERATO

 

INTERVISTE

 

ERCOLANO – Ora che il Solaro s’era reso disponibile per la squadra degli Scavi e del Vesuvio, i tifosi hanno dovuto registrare la conclusione del campionato. Così,  l’Herculaneum si congeda dal comunale Raffaele Solaro con un costruttivo pareggio, utile a mantenere le giuste distanze in classifica questo unicamente per sentirsi ormai fuori da ogni pericolo. Sugli spalti non c’è stata la grande ‘nidiata’ ma semplicemente una nutrita rappresentanza di giovani che promettono di accendere il prossimo campionato con le fiamme del loro cuore. Quella tra Nardò ed Herculaneum è stata la classifica partita di fine campionato anche se a costruire il gioco con maggiori azioni sviluppate è stata la squadra di casa allenata da Rosario Campana, per la circostanza sugli spalti a causa dei due turni di squalifica; al suo posto ha diretto le operazioni in campo Luigi Fumo, allenatore numero due. Facciamo in tempo a raggiungere Rosario Campana per chiedergli le sue impressioni sulla gara testè conclusasi. Mister Rosario Campana, gli chiediamo, risultato un po’ stretto quello appena conseguito dalla sua squadra contro un coriaceo Nardò? ‘Siamo scesi in campo – mette in luce Rosario Campana – un po’ rimaneggiati a causa di molte assenze per squalifica e infortuni. Pur tuttavia, siamo riusciti a fare quadrare un gioco piacevole. Nel primo tempo – analizza – siamo stati più quadrati e più incisivi. E’ mancato solo il gol che El Ouazni e compagni di linea hanno sfiorato solo per poco. Dinanzi – stabilisce – avevamo un forte Nardò che originariamente era stato costruito per la Lega Pro. Ad Ercolano – insiste – contro di noi, ha giocato un buon calcio, un calcio tecnico. Ha avuto l’azione buona per passare in vantaggio. Il caldo di stagione s’è fatto sentire e certamente –  mette in luce – ci ha un po’ depressi. Ciò nonostante – racconta – i miei ragazzi hanno messo in campo un buon gioco con tante azioni per sviluppate. Il pareggio è venuto ad inizio di ripresa. E’ stata una occasione che mi ha fatto pensare che con qualche piccolo ritocco nel telaio di gioco, come in effetti sono stati operati – avremmo potuto anche puntare alla vittoria del turno di campionato. Il pareggio – spiega – è il risultato giusto per due squadre che hanno saputo lottare e creare molte azioni di gioco. L’1 a 1 – precisa – è un risultato degno di un congedo dal Solaro, per questo primo campionato di serie D che i miei ragazzi hanno onorato. E’ bello giocare al Solaro. Credo di lasciare un buon ricordo di me che ho tanto lavorato per fare quadrare logiche di gioco e uomini in campo per una classifica che ci vede ancora un po’ penalizzati’. Il presidente onorario Alfonso Mazzamauro è felice di avere portato a compimento un campionato che pur avendo riservato tante emozioni avrebbe potuto dare ancora di più. Ad Ercolano è amato, stimato e su di Lui i giovani della città puntano per farsi guidare ancora, di più, sempre di più. El Ouazni, l’autore del gol dell’1 a 1, è felice di avere firmato questo risultato. ‘E’ un pareggio conseguito con il mio gol – stabilisce El Ouazni, centravanti della squadra degli Scavi e del Vesuvio – dopo un’annata quasi totalmente vissuta in infermeria. Ora sono al top della forma. Spero di chiudere bene a Rionero, nell’ultima gara di campionato’. I ringraziamenti del direttore sportivo. Marco Mignano. ‘Anche contro il Nardò – stabilisce Marco Mignano – i miei ragazzi hanno dato l’anima in campo. L’1 a 1 resta un buon risultato per chiudere in casa il primo campionato di serie D, in modo assai lusinghiero. I miei ringraziamenti – mette in luce – vanno a tutti i tifosi, ai giovani in particolare e a tutte quelle persone che lottano con noi per dare ad Ercolano una squadra forte come quella che ci ha appena salutato con un risultato importante’. Yeboah è stato ancora una volta favoloso. In poco tempo, con le sue fantastiche serpentine, ha divertito tutti ed è andato molto vicino al gol-partita. ‘Sono felice – ci ha confidato Yeboah – di avere giocato ad Ercolano, una città che sa amare i suoi giocatori e sostenerli nei momenti opportuni’.

GIUSEPPE IMPERATO

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento