A Mugnano, la Frattese supera il Manfredonia con un secco 3-0

Pubblicato il 10 settembre 2017 alle 21:47 da Giovanni Aruta
A Mugnano, la Frattese supera il Manfredonia con un secco 3-0 pubblicato il: 2017-09-10 da Giovanni Aruta

FRATTESE   3

MANFREDONIA 0

 

FRATTESE (4-3-1-2): Pardo; Adamo, Cassandro, Bosco, Di Crosta; Ammaturo (dal 30’ st Della Monica), Tufano, Odierna; Trofo (dal 30’ st De Crescenzo); Roghi (dal 41’ st Ferrieri), Ronga (dal 41’ st .Angelillo).    A Disp.: Capasso, Paudice, Musella, Faliveme, Barra). All. Chiaese.

 

MONFREDONIA (4-3-3): Bagnara; Mannarini, Russo, Esposito, Cicerelli; Soof Saikou (dal 30’ st Falco), Martino (dal 1’ st Armiento), Poziello; Quitadamo (dal 1’ st Rinaldi), Trotta (dal 20’ st La Forgia), Lombardi.  A disp.:   Simone, Amendola, Ese, Di Muro, Granatiero). All. Baratto.

ARBITRO:  Fiero di Pistoia.

MARCATORI: al 38’ pt. Tufano;  al 2’ st Rogi su rigore; al 45’ st De Crescenzo.

 

NOTE: spettatori 200 circa. La gara si è giocata  a Mugnano di Napoli per l’indisponibilità dello stadio della Frattese. Ammoniti:  Roghi, Adamo e Russo. Angoli: 4-2 per il Manfredonia. R: 1’ e 3’.

 

MUGNANO (Napoli) Il Manfredonia non va. La squadra di Baratto in questo inizio di campionato   mostra molti limiti tecnici e fisici  e perde per 3-0, contro una Frattese che apparsa cinica e spietata.  Il tecnico Baratto che insieme al DS Francesco Vitaglione  sono campani ed hanno giocato insieme nell’ anno 2001/2002 con la maglia del Terzigno.   La gara  è stata bella, i pugliesi  nonostante  non hanno ancora completato  la preparazione atletica (mancano ancora qualche  giocatore di qualità a centrocampo è  in attacco  ci vuole  un bomber),   hanno creato  alcune occasioni ma la  fortuna non gli è stata amica. La gara è iniziata con i napoletani subito in attacco. Al 4’  l’attaccante Roghi viene messo a terra da Russo in area pugliese, l’arbitro lascia correre tra le proteste dei giocatori della Frattese che invocavano il calcio di rigore.  La Frattese   ha più forza nelle gambe, mentre i pugliesi si difendono  come possono.  . Al 8’  la Frattese ha l’occasione di passare in vantaggio: Trofeo semina un paio di avversari, si porta sul fondo e serve lo smarcatissimo Ronga. L’attaccante napoletano tutto solo, a cinque metri dalla porta spara alto.  Il Manfredonia non riesce a farsi pericoloso. Il modulo (4-3-3) non funziona. A centrocampo, solo Poziello mostra una certa esperienza e contrasto gli avversari su ogni pallone. Ma  non basta. Il portiere napoletano Pardo non sarà mai impegnato seriamente. La gara scivola via  con una supremazia territoriale dei napoletani. Al 36’ ancora una occasione per la squadra di Chiaese.  L’azione parte dai piedi di Odierna, che viene messo a terra all’ limite dell’ area da Cicerelli. Punizione di Roghi, la palla fa la barba al palo. Dopo due minuti, arriva il meritato vantaggio della Frattese.  Ci pensa Tufano, il centrocampista nerostellato supera un paio di avversari e dai 30 metri fa partire un gran bolide, la palla si insacca nel set, nulla da fare per il  giovanissimo portiere Bagnara.

Sul  finire del tempo,  i campani  si fanno ancora  pericolosi. Adamo  lavora un buon pallone sulla destra, crossa in area per  Ronga che di testa manda la palla di poco fuori. Scampato il pericolo,  il Manfredonia, ci prova con un tiro dalla distanza di Poziello, la palla termina  fuori.

La ripresa si svolge sulla falsariga del primo tempo:  Manfredonia timoroso che non riesce a fare un tiro verso la porta dei campani; questi ultimi invece preferiscono mantenere il vantaggio piuttosto che chiudere la gara.  Ma il raddoppio  della Frattese arriva nei primi minuti della ripresa. Ronga ruba palla a centrocampo, si porta sulla destra e converge in area, e serve  Trofeo in area, ma viene atterrato, l’arbitro a due passi concede il calcio di rigore e ammonisce  Russo l’autore del fallo.  Trasforma con freddezza Roghi.  Il tecnico pugliese le prova tutte, cambiando anche molti uomini apparsi stanchi ed il Manfredonia si fa vivo.  Al 14’ si vede Lombardi, giovane attaccante che supera un paio di avversari, e tira, para in due tempi il portiere campano.  Passano tre minuti, e la Frattese in contropiede sciupa il terzo gol. L’azione è del solito scatenato Ronga, che  fa tutto da solo: si libera di due avversari, entra in area e di sinistro sfiora la traversa. Il    Manfredonia prende coraggio  e al 25’ costruisce l’unica occasione di tutta la gara.  Angolo di Angelillo, colpisce di testa Poziello, la palla colpisce il  palo e danza sotto la porta napoletana, ma il difensore Bosco spazza via.  La gara non mostra più interesse, i pugliesi appaiono stanchi e privi di idee. Il terzo dei campani

giunge al 45’, ad opera di De Crescenzo, appena entrato ; parte da centrocampo, si libera di tre avversari, si porta in area pugliese e trafigge il portiere Bagnara con un preciso rasoterra di sinistro. Nulla da fare, il Manfredonia perde per 3-0 ed rimane ancora a zero punti in classifica.

Giovanni Aruta

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento