Al teatro Le Nuvole lo spettacolo contro l’usura

Pubblicato il 31 marzo 2016 alle 13:23 da Susanna Esposito
Al teatro Le Nuvole lo spettacolo contro l’usura pubblicato il: 2016-09-14 da Susanna Esposito

Al teatro Le Nuvole lo spettacolo contro l’usura.

“NIENTE PER NIENTE”: STORIE SOSPESE TRA SOVRAINDEBITAMENTO E USURA

Il 4 e 5 aprile al Galilei 104, Teatro “Le Nuvole” presso la Città della Scienza, si svolgerà il progetto teatrale promosso dalla Fondazione ADVENTUM e dall’Ambulatorio Antiusura col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli

È partito il 14 marzo a Parma il tour nazionale 2016, che porterà in scena in 6 città italiane la pièce “Niente per niente, storie sospese tra il sovraindebitamento e l’usura”. Un progetto teatrale promosso dalla Fondazione ADVENTUM e dall’Ambulatorio Antiusura su un tema scottante che oggi assume caratteristiche sempre più pervasive e subdole.

Il 4 aprile alle 20:45 al Galilei 104, Teatro “Le Nuvole” presso Città della Scienza in via Coroglio 104,  con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, previa prenotazione sul sito solosepuoi.ottopermilleavventisti.it e una matinèe  il 5 aprile alle 9:30 dedicata alle scuole.

Lo spettacolo si inserisce all’interno di una più ampia campagna di sensibilizzazione “SOLOSEPUOI”, sul tema dell’uso responsabile del denaro, che la Chiesa Avventista ha deciso di promuovere, impiegando una parte dei fondi che riceve ogni anno dall’8xmille dei contribuenti.

“Niente per niente” è un’opera teatrale di Francesco Randazzo, con la regia di Giusi Cataldo, da un’idea di Claudio Ciatti. Il cast è formato da Giusi Cataldo, Alessio Di Clemente, Francesco Meoni e Rossana Veracierta.

Il progetto pilota, che è partito da Roma il 27 aprile scorso con una prima istituzionale, ha poi coinvolto alcuni istituti superiori romani, in cui sono state realizzate 10 repliche, raggiungendo oltre 1300 tra ragazzi e ragazze.

 

Fonte: ufficio stampa “Niente per niente” 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone








Lascia un commento